Lunedì 2 marzo 2015 - Ore 9 – 13
Sala Alessi Palazzo Marino, Piazza della Scala 2, Milano
 
ProgettaMi è una esperienza che vede collaborare attivamente e concretamente realtà del terzo settore (LEDHA, LEDHA Milano, Fondazione Idea Vita, Consorzio SIR) con il Comune di Milano e Fondazione Cariplo: lo scopo è quello di favorire processi di vita indipendente ed inclusione nella società da parte di persone con disabilità intellettiva, anche attraverso periodi di sperimentazione di vita autonoma, al di fuori della famiglia di origine.   Oggi ProgettaMi conclude il suo percorso sperimentale per inserirsi nella proposta ordinaria di servizi ed interventi promossi dal Comune di Milano rivolti alle generalità delle persone con disabilità in collaborazione con le organizzazioni della società civile. Un risultato significativo che riconosce la bontà della proposta e i risultati raggiunti in più di quattro anni di lavoro.  
Il seminario, che rappresenta l’ideale passaggio di testimone, proprio per la rilevanza dei suoi contenuti, viene ospitato nel contesto del Quarto Forum delle Politiche Sociali promosso dal Comune di Milano.
Saranno presentati i risultati di quest’ultimo anno di lavoro e di una ricerca sociale sugli esiti delle
sperimentazioni di vita autonoma nella vita delle persone con disabilità coinvolte.
Il primo risultato che emerge è che “sperimentandosi” cresce innanzitutto la capacità di pensare a se stessi come persone adulte, premessa indispensabile per poter essere protagonisti del proprio progetto di vita
Il Centro Studi Riccardo Massa ha condotto una ricerca per questo progetto, ricerca sociale che Paola Marcialis presenterà nel corso del seminario
 
Per rispondere alle conseguenze prodotte, in tutti i campi, dalla difficoltà di trasmissione dei saperi è necessario riprendere il filo antico dell’eredità dei saperi, della trasmissione delle conoscenze e della condivisione intergenerazionale del valore delle pratiche.
 
20 maggio 2014
 
Programma
9.00- 10.00 SPAZIO INTIMO
G. MOLERI - M. BANDERA - A. MARCHESI
Dentro al petto. Condividere una storia è entrare in intimità. Condividere gesti e rituali è una intimità di emozioni e corpi. La poetica con la sua logica simbolica. Il desiderio e la scena educativa
10.00-11.00 SGUARDO PERSONALE
F. CAPPA - P. MARCIALIS - D. MOTTO
Dimensione ludica: giochiamo un po', facciamo finta che tu e che io, sperimentare in forma di gioco, con qualche regola, un po' di piacere, una certa sicurezza e il rispetto che ci vuole per riconoscersi tra persone umane. Dimensione semantica. Quasi significati nell' esperienza teatrale e in quella educativa, in queste occasioni possiamo vive-re l'invisibile, l'indicibile? Possiamo vivere l'intimo dei pensieri attraverso linguaggi, metafore e grammatiche dei sentimenti, mappe incorporate che un giorno verranno narrate?
11.00-11.15   SPETTACOLO DI DANCEABILITY
a cura del CDD di Cologno Monzese
CONFERENZA STAMPA
11.15-12.15 DISTANZA SOCIALE
M. DE VITA - C. STOPPA - M. PENSA
Avere una storia essere in relazione sociale. L’azione e il pensiero, teatro sociale che include ma anche il contesto sociale come spunto di riflessione per il teatro.
12.15-13.00 DISTANZA PUBBLICA
L. SERVADIO - A. CRISTOFORI
Pubblicare un testo, andare in scena. E nell’era degli Iphone? Luoghi di vita collettiva che producono cultura cosa significa avere un pubblico? Cosa significa per un artista "uscire": uscire con un libro, uscire con un spettacolo, mettersi in mostra? quanto la mia opera produce anche sapere e cultura su quell'argomento (per noi questo è particolarmente interessante perché significa me
ere in scena temi sociali e soprattutto lavori sociali)?
18.00 - 19.00 Lezione metodologica
EDUCARE IL CORPO - incontro creativo tra Attore e Regista
intervengono GIOVANNI MOLERI, e gli attori del Teatro dell’Aleph
19.00 - 21.00 TEATRO E DONNA -
La rivista Appunti di Teatro e il Magdalena Project
Intervengono CLAUDIO BERNARDI, docente di Storia del Teatro, Università Cattolica di Milano e JULIA VARLEY, attrice dell'ODIN TEATRET
21.00 - 22.00 Spettacolo-Dimostrazione Donna-Educazione-Teatro
EDITH STEIN, Parole tra le Ceneri - con Elena B. Mangola, attrice del Teatro dell'Aleph
INGRESSO GRATUITO
Fondazione Ber¬ni Malgarini
Ex oratorio di via Caroli Via Luigi Caroli, 12 - 20128 Milano

Sabato 12 Aprile 2014

Dalle 9.30 alle 13

presso la sede della cooperativa Solaris in via Dell’Acqua 9/11, Triuggio (MB)

 

Presentazione della ricerca:

"Pratiche educative e modelli pedagogici impliciti nei CDD della società coop. Solaris"  

 

Interverranno:

  • Cristina Palmieri: Ricercatrice in Pedagogia Generale e Sociale presso il Dipartimento di Scienze Umane per la Formazione “Riccardo Massa” – Università degli Studi di Milano Bicocca.
  • Gisella Rossini: Prof.ssa a contratto presso l’Università degli studi di Milano, ricercatrice per il Centro Studi “Riccardo Massa” e conduttrice della ricerca;

Moderatrice:

Maria Antonia Molteni

Presidente della Cooperativa sociale Solaris ONLUS

 

I lavori si concluderanno verso le 13.00 con un buffet

Nell’ambito delle iniziative per il 30° anniversario della Cooperativa Solaris

 

Questo il titolo del Primo Master Universitario di I livello progettato dal Centro Studi Riccardo Massa, realizzato dall'Università Milano-Bicocca e finanziato dalla Regione Lombardia. Le preziose intuizioni e competenze acquisite in questi anni di attività di CSRM trovano in questa impresa formativa una prima concretizzazione. Il dispositivo normativo prevede un finanziamento regionale che coniuga l'istituto dell'apprendistato con la formazione universitaria. Le aziende interessate si sono impegnate così ad assumere un educatore/un'educatrice o trasformare un contratto a progetto in un contratto più stabile, e a questo si aggiunge una formazione pedagogica di tipo clinico. La formazione prevista dall'apprendistato viene così svolta grazie al Master che, tra l''altro, genera per i partecipanti dei crediti formativi (60 crediti, equivalenti a un anno accademico, spendibili per una laurea magistrale di settore). In virtù di questo intreccio tra Apprendistato e Master universitario, i crediti sono attribuiti in parte dall'Università e in parte - prima volta nella storia dei Master - dalle organizzazioni di appartenenza degli apprendisti. Diventa così praticabile pensare al coinvolgimento diretto di esponenti delle aziende anche all'interno dei moduli a gestione universitaria. Ovviamente, tutta la formazione è gratuita, sia per gli apprendisti che per i tutor aziendali essendo finanziata da Regione Lombardia
 
.
 
 

Sottocategorie

News

  Si é concluso oggi, 6 luglio, nell'austera cornice di Villa di Breme Forno, sede "staccata" del campus Bicocca, la terza edizione del Master PROFESSIONE EDUCATORECompetenze cliniche per progettare...

17 aprile 2018, un'occasione per celebrare degnamente l'aniversario l'incontro il programma della giornata l'esito in testo di tanta ricerca      

More Articles